Pagina iniziale

In lager

Giugno 1944, Marcello ha da poco compiuto 14 anni.
Suo padre Mario, nome di battaglia “Niccolai”, è il comandante militare del C.L.N. (Comitato di Liberazione Nazionale) di Prato, collabora con Radio Cora e coordina da terra, assieme all’amico Guido Focacci, nome di battaglia  ”Tenente Colombo”, esperto di aviazione, i lanci notturni di paracadutisti alleati, in genere radiotelegrafisti.

Marcello l’8 Giugno prende parte ai preparativi di uno di questi lanci; questa azione segnerà la fine della sua breve esperienza di partigiano e l’inizio della sua drammatica esperienza di deportato politico.
La mattina del 9 Giugno 1944 viene arrestato assieme ai componenti della sua famiglia.
Condotto nel Carcere delle Murate a Firenze, dopo pochi giorni sarà trasferito al Campo di raccolta di Fossoli e da lì deportato nel Konzentrationslager di Mauthausen.

Leggi tutto

I racconti di Marcello

Un’emozionante intervista di Stefano Donati a Marcello in occasione della presentazione del suo libro “Un adolescente in lager – Ciò che gli occhi tuoi hanno visto” edito da Giuntina.
Intervista realizzata presso la Libreria Artemisia di Massa (MS).

Le altre parti dell’intervista

Addio a Marcello Martini

Marcello Martini si è spento il 14 agosto 2019, nella sua casa di Castellamonte, all’età di 89 anni.
Marcello ci lascia una grande eredità e una grande responsabilità, quella di continuare il suo impegno nel trasmettere alle giovani generazioni i valori fondamentali su cui deve fondarsi una società che possa continuare a definirsi civile.
Grazie Marcello.
I funerali pubblici di Marcello Martini si sono svolti con rito civile sabato 17 agosto 2019 presso la sede del Comune di Castellamonte (TO)

Dedichiamo  questo sito web, e la passione che abbiamo speso nel realizzarlo, alle nuove generazioni, perché siamo convinti che la memoria, come necessità nell’affermazione dei valori umani e dei diritti dell’uomo, non sia mai data, nè mai scontata, ma di essa ci si debba prendere cura sempre, continuando a nutrirla, così come fa Marcello, a cui vogliamo dire Grazie.
Associazione Culturale “Lo Stercorario”

Ridimensiona
Contrasto