Torna all'inizio
Montemurlo la targa in onore di Marcello Martini

Inaugurata a Montemurlo, la targa in onore di Marcello Martini

Come fosse una pietra d’inciampo, d’ora in poi tutti coloro che percorreranno la pista ciclo-pedonale in località Il Mulino, proprio sotto al Quercione, conosceranno il luogo, dove nel 1944 fu arrestato Marcello Martini, appena 14 anni, e deportato nel campo di sterminio di Mauthausen in Austria. La targa, che il Comune ha posto questa mattina sopra un cippo, ha un preciso intento: far parlare i luoghi della memoria, rompere il silenzio e, attraverso la conoscenza, dire “mai più orrori simili”. «Da oggi questo è a tutti gli effetti un luogo della memoria e tutti coloro che passeranno da qui potranno conoscere la storia del nostro cittadino onorario Marcello Martini, il più giovane deportato politico italiano nei campi di sterminio nazisti. – dice il sindaco Simone Calamai – Una storia che deve essere ricordata e tramandata per far si, come diceva Primo Levi, che “se comprendere è impossibile, conoscere è necessario”» […]

Leggi l’articolo su TV Prato

Ridimensiona
Contrasto